Segni e sintomi di una carenza di calcio

Il calcio rappresenta il 1% al 2% del peso corporeo adulto. Mentre oltre il 99 per cento del calcio si trova nei denti e nelle ossa, il resto è presente nel sangue, nei muscoli e in altri tessuti. La carenza di calcio è comunemente causata da carenza di vitamina D o da disfunzione o rimozione chirurgica delle ghiandole paratiroidei. La mancanza di questo minerale provoca una serie di sintomi, a seconda della sua gravità e di quanto si sviluppa rapidamente. Quando si sviluppa rapidamente, può causare problemi come spasmi muscolari, crisi epilettiche e ritmi cardiaci anormali. Le persone con carenza cronica di calcio possono non avere sintomi, o possono sviluppare cataratta, cambiamenti nel comportamento o problemi con le loro ossa, la pelle ei denti.

Quando carenti di calcio, i muscoli ei nervi diventano anormalmente eccitabili – noti come irritabilità neuromuscolare. Quando la carenza di calcio è lieve, può verificarsi intorpidimento o formicolio attorno alla bocca e alle dita delle dita. Carenza più grave può causare tetania, caratterizzata da involucri muscolari involontari, crampi e spasmi. Tetany può verificarsi spontaneamente. Può anche essere provocato da una prova in cui un bracciale della pressione sanguigna sul braccio superiore è gonfiato per ridurre il flusso di sangue alla mano. Se ciò provoca spasmi delle mani, si chiama il segno del Trousseau. Questo segno è presente nel 94% delle persone con bassi livelli di calcio nel sangue e solo l’1% di quelli con livelli di calcio normali, secondo un articolo del giugno 2008 del “British Medical Journal”.

La carenza di calcio che si sviluppa rapidamente può causare convulsioni. Quando la carenza di calcio è lunga, può causare una serie di altri problemi nel sistema nervoso. Mal di testa può verificarsi a causa di una maggiore pressione all’interno della testa. Ci può essere gonfiore di una parte del nervo ottico – il nervo che collega l’occhio al cervello. Ciò può causare la sfocatura o la visione doppia o la perdita di visione periferica. Le cataratta possono svilupparsi e possono anche causare una visione sfocata. La carenza cronica del calcio può altresì causare sintomi neuropsichiatrici, come la depressione, i cambiamenti nella personalità ei problemi con il pensiero, talvolta gravi come la demenza.

Il cuore contiene un sistema di conduzione elettrica che invia segnali ai muscoli del cuore in modo da poter pompare il sangue al resto del corpo. La carenza di calcio può causare anomalie in questo sistema di conduzione elettrica, portando a ritmi cardiaci anormali. I sintomi di un ritmo cardiaco anormale possono includere svenimenti o sensazioni che il cuore sta saltando battiti o battendo troppo velocemente. La carenza di calcio può anche compromettere la capacità dei muscoli del cuore di contrattare e di pompare il sangue, portando ad un fallimento cardiaco. I sintomi dell’insufficienza cardiaca includono la respirazione corporea o il gonfiore delle gambe. Può essere presente anche una bassa pressione sanguigna.

La carenza di calcio a lungo termine può influenzare anche altre aree del corpo. La pelle può diventare secca o pruriginosa e si può sviluppare eczema o psoriasi. Può anche essere notato unghie secche e fragili. Dal momento che il calcio è una componente principale dei denti, la carenza cronica del calcio può portare a cattive dentature e cavità. Anche le ossa possono essere influenzate, causando ossa sottili o osteoporosi. Ciò può portare a fratture, soprattutto nei soggetti più anziani.

La carenza di calcio che si sviluppa rapidamente può essere pericolosa per la vita. Cercate l’assistenza medica di emergenza se si osservano spasmi muscolari, torsioni o crampi, formicolio o intorpidimento, battiti cardiaci veloci o saltati, mancanza di respiro o gonfiore delle gambe o convulsioni. Ricercare anche un medico se si verificano emicranie, cambiamenti visivi, problemi di pensiero o cambiamenti di umore o di personalità.

Sintomi neuromuscolari

Altri sintomi neurologici

Sintomi cardiovascolari

Altri segni e sintomi

Quando cercare l’attenzione medica