Come trattare l’acne con l’olio di ricino

L’olio di ricino è stato usato per secoli come rimedio domestico per trattare una varietà di condizioni mediche, secondo “Fondamenti di Infermieristica”. L’olio di ricino è usato per trattare l’acne lieve, perché contemporaneamente idrata la pelle, innescando il corpo a produrre meno sebo acne e riduce l’infiammazione associata all’acne, secondo “Dermatologia cosmetica: principi e pratiche”. Consultare un dermatologo se non hai raggiunto i risultati desiderati entro sei settimane dal trattamento dell’acne con l’olio di ricino.

Pulire la pelle delicatamente con un detergente viso. Secondo la dermatologia di Braun-Falco, è meglio spruzzare il viso con acqua calda per dilatare i pori prima di pulire e schizzare il viso con acqua fresca dopo la pulizia per stringere i pori. I pori dilatati possono essere facilmente puliti e liberati da sporco e olio. I pori stretti sono meno soggetti a intasamento e brufoli.

Inumidire un lavandino con acqua tiepida. Applicare una quantità di olio di ricino di dimensioni centimetri al lavandino. Con il tovaglia, applicare l’olio di ricino al viso con movimenti circolari delicati, concentrandosi sulle aree del viso con sblocchi.

Lasciare che l’olio di ricino rimanga sulla pelle durante la notte. Secondo il “Manuale di dermatologia: un pratico manuale”, lasciando l’olio di ricino sul viso durante la notte permette di idratare adeguatamente la pelle e legarsi a sporco eccessivo, permettendo così di essere facilmente lavata via. Al mattino, pulire delicatamente la pelle con detergente facciale per lavare l’olio di ricino.