Dovrebbe i genitori permettere che le celebrità siano i modelli di ruolo dei loro figli?

I bambini imparano per imitazione, un fatto che lo rende impegnativo per gli adulti nella loro vita a essere modelli positivi. Nell’ambiente saturo di media oggi, tuttavia, l’influenza genitoriale è spesso diminuita dalla fissazione che i bambini hanno sugli stili di vita glamour di attori, rock star e atleti. Quando i genitori permettono alle celebrità di essere modelli primari dei loro figli, la linea tra fantasia e realtà diventa talvolta troppo sfocata per impartire lezioni di etica, carattere e responsabilità.

Persuasione passiva

Secondo Roberta Michnick Golinkoff, autore di “Einstein Never Used Flashcards”, la comodità della TV come una babysitter elettronica può diminuire l’uso attivo dell’immaginazione. Invece di formare i propri giochi di fingere e inventare personaggi originali che possono giocare, i bambini assorbono, interpretano e imitano le immagini sullo schermo come un mondo “reale” molto più emozionante e colorato di quello in cui vivono. Allo stesso modo, Se una celebrità preferita approva un nuovo giocattolo, un cereale per la prima colazione o un paio di scarpe da ginnastica costose, la sua convalida del valore dell’oggetto talvolta porta più peso con un bambino rispetto a quello di un genitore.

Verità e conseguenze

La continua glamorizzazione di celebrità che si comportano spesso spesso sembra renderle molto più attraenti per i bambini impressionabili. Non importa quante volte un bambino è stato detto dai suoi genitori che certi comportamenti sono inappropriati, irrispettosi o pericolosi, il doppio standard è ancora pervasivo. Secondo Victor C. Strasburger, autore di “Bambini, adolescenti e mezzi di comunicazione”, una minore enfasi sulle conseguenze effettive degli errori confonde i bambini a credere che qualunque cosa cattiva le celebrità siano scusabili e, quindi, debba applicarsi anche a loro . Diane Levin, autore di “So Sexy So Soon: La nuova infanzia sessualizzata e ciò che i genitori possono fare per proteggere i propri figli”, sottolinea inoltre che l’emulazione di celebrità femminili sexy corre in contrasto con le fasi di sviluppo fisico ed emotivo delle ragazze; Li mette a rischio di predatori.

Autostima

Quando le celebrità ritraggono i genitori sulle televisioni televisive, i bambini non possono fare la connessione che le stelle stanno giocando solo per i ruoli. Né capiscono sempre che gli attori possono avere personalità completamente diverse quando sono fuori dalla telecamera. A paragone, i loro genitori non sono probabilmente più divertenti, giusti, freddi o attenti senza essere invadenti come le stelle di uno spettacolo di fantasia. La realtà sfrenata inerente ad idolizzare una famiglia di TV che non può mai essere loro può portare i bambini alla depressione, alla ribellione e perfino al senso di indegnità. Inoltre, i bambini e gli adolescenti che si rendono conto che non saranno mai così attraenti, sottili, ricchi o compiuti, come le celebrità che ammireranno vicariamente potrebbero decidere di abbandonare completamente invece di abbracciare la propria unicità e talenti. Le sensazioni di fallimento possono potenzialmente portare all’obesità, all’abuso di sostanze, al ritiro e al suicidio, dice Dorothy Briggs, autore di “Self-Este di tuo figlio”.

Aspetti positivi

Non tutte le celebrità hanno un impatto negativo sulla vita dei giovani fan. Ci sono attori che prestano assistenza alle organizzazioni di beneficenza, agli atleti che lanciano programmi post-scolastici e comici che visitano gli ospedali per alleggerire i pazienti. Questi sono gli aspetti “ignari di eroe” delle personalità di celebrità che li rendono ispiratori e degni di ammirazione. Se i tuoi figli scelgono celebrità come modelli di ruolo, è importante discutere con loro i tratti specifici che amano, rispettano e vogliono imitare, parlare se questi riflettano effettivamente i valori reali dell’idolo.